Sono ben 58 le opere italiane presenti alla 74esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia tra Concorso Ufficiale, fuori Concorso, Orizzonti, Cinema nel Giardino, Venice Gap Financing Market, eventi collaterali, sezioni parallele Sic e Venice days, Biennale college e nuovo concorso Venice Virtual Reality. Dal 30 agosto al 9 settembre il Lido si fa palcoscenico internazionale per la settima arte. Toccherà all’attore Alessandro Borghi sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) dare il via alla Mostra diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. Presente il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. 24 le opere italiane dichiarate di interesse culturale, di cui 5 concorrono in Venezia 74 per il Leone d’Oro: The Leisure Seeker di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland dall’omonimo romanzo di Michael Zadoorian; Ammore e malavita dei Manetti Bros, un musical su Napoli, con Serena Rossi, Claudia Gerini, Giampaolo Morelli, Carlo Buccirosso; il drammatico Hannah di Andrea Pallaoro, una co-produzione italo-franco-belga con Charlotte Rampling sostenuta anche da Eurimages; Una famiglia di Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel che racconta le vicende di una coppia alle prese con le complicazioni del cosiddetto “utero in affitto”; il film di Abdellatif Kechiche, coproduzione italo francese Mektoub, My Love: Canto Uno, tratto dal romanzo La Blessure, la vrai di François Bégaudeau e primo capitolo di un progetto più ampio.