“Bene intesa in Conferenza unificata” per Paola Binetti. “Certamente il sottosegretario Baretta in questa legislatura ha mostrato una dedizione incrollabile al gioco d’azzardo”, spiega al VELINO. “Ha portato a casa in alcuni momenti insuccessi plateali come per esempio quello della delega fiscale ma anche dei risultati importanti. Quanto emerso ieri è interessante nei principi che stabilisce, preoccupante nella sequenza dei tempi. In ballo il bando scommesse ma anche il rinnovo parco macchine con la sostituzione con la awp da remoto, più sicure per chi gioca e per lo Stato. Di cui ad oggi non c’è ancora una tempistica certa. Non possiamo dimenticare che fra sei mesi la legislatura finisce e quindi non sappiamo di fatto quale continuità e quale concretezza avranno indicazioni che cominciano ad avere valore applicativo fra un anno o oltre”, ribadisce la deputata. “C’è tutto lo spazio che qualcuno ribalti lo schema preposto”. Due perplessità per la Binetti: “il governo guadagna ancora troppo dal gioco d’azzardo. E’ inaccettabile che una fonte così cospicua prevenga dalla passione de il gioco”. Il secondo punto: “con tanto lavoro fatto. Ci si è impegnati così poco nel fondo della prevenzione. Con il no alla pubblicità e misure preventive nella formazione dei più giovani”.