"L'accordo raggiunto ieri nella Conferenza Unificata sulla limitazione del gioco d'azzardo è un passo in avanti significativo. È giusto e doveroso sottolinearlo. Non è la soluzione ai grandi problemi etici, sociali, economici legati al gioco d'azzardo patologico. Ma una novità importante". Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti. "Nei prossimi tre anni - aggiunge Chiti - saranno dimezzati gli attuali 98 mila punti gioco: le Slot saranno ridotte del 35% e passeranno dalle oltre 400 mila adesso in esercizio, a 265 mila. L’accordo - ricorda l'esponente Pd - prevede inoltre la possibilità dei sindaci di intervenire per regolamentare gli orari di apertura dei punti gioco, sulla loro collocazione e sulla distanza da luoghi sensibili come scuole e chiese".