Il presidente russo Vladimir Putin e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno avuto un colloquio telefonico in merito alla situazione attuale nella penisola coreana alla luce delle recenti azioni provocatorie di Pyongyang. Lo ha reso noto il Cremlino con un comunicato stampa. Secondo la dichiarazione, i leader russi e tedeschi hanno fortemente condannato il mancato rispetto da parte della Corea del Nord delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e hanno osservato che tali passi sono contrari ai principi della non proliferazione globale e costituiscono una grave minaccia per la pace e la sicurezza regionale.

“Le parti hanno ribadito che la risoluzione di questa crisi acuta è possibile solo attraverso la politica e la diplomazia, che occorre riprendere i negoziati tra tutte le parti coinvolte e hanno accettato di proseguire la discussione sulla situazione a livello dei ministri degli Esteri dei due Paesi” ha concluso la nota.

Russian President Vladimir Putin and German Chancellor Angela Merkel discussed in phone talks on Monday the current situation on the Korean Peninsula in light of the recent provocative actions by Pyongyang, the Kremlin press service said in a statement. According to the statement, the Russian and German leaders strongly condemned Pyongyang's disregard of the resolutions of the UN Security Council, and noted that such steps are contrary to the principles of global non-proliferation and pose a serious threat to regional peace and security.

"The sides reaffirmed that the settlement of this acute crisis is possible solely by political and diplomatic means, by resuming negotiations between all involved parties. They agreed to continue the discussion of the situation at the level of the foreign ministers of the two countries," the statement said.