Dopo “La Chimera” gli abitanti delle Vele aprono le loro porte ai registi per girare un film sull’abbattimento e la riqualificazione del quartiere. Reduce dalla 74esima Mostra di Venezia, il corto apprezzato dalla critica viene presentato a Napoli: il progetto continua con un lungometraggio che darà voce alla battaglia civica del Comitato Vele. Oreste segue da qualche anno il Comitato Vele. Ha una casa nella Vela Rossa ma non ci può vivere. Dopo un ictus e un infarto, e dopo aver superato un primo tumore ai testicoli due anni fa, gli è stato diagnosticato un nuovo carcinoma alla tiroide. Il tetto della sua casa non ha più la guaina di impermeabilità e, nonostante gli amici gli abbiano ritinteggiato casa, alla prima pioggia i muri hanno preso umidità. L’oncologo gli ha vietato di stare lì. Ora vive in casa della sorella con la famiglia, ma senza letto si è dovuto arrangiare per terra. “La Chimera – Appunti per un Film sulle Vele di Scampia” è la storia di Oreste, di Ciro e Giuseppina, di Lorenzo e di Omero, il popolo delle Vele che combatte per un alloggio dignitoso. Un documentario dei registi Giovanni Dota, Matteo Pedicini, Walter De Majo ed Elio Di Pace, prodotto da Gianluca Arcopinto e Walter De Majo, che racconta la storia dell'abbattimento delle Vele di Scampia. Il corto è stato presentato in anteprima alla 74esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, fuori concorso alla Giornata degli Autori, suscitando l’interesse del pubblico e l’attenzione della critica. A Venezia, insieme ai registi e ai produttori, anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e l’assessore alle Politiche per il Diritto alla Casa, Enrico Panini, hanno assistito alla proiezione di “La Chimera”, un documentario di denuncia sociale che ha rafforzato l'ampia presenza delle produzioni napoletane al Lido di Venezia. Oggi il corto sbarca al Palazzo delle Arti per la sua anteprima a Napoli e la produzione annuncia un nuovo progetto: dopo Venezia, il progetto continua con un lungometraggio che darà voce alla battaglia civica del Comitato Vele, seguendo passo dopo passo il progetto per l’abbattimento delle Vele e la riqualificazione di Scampia.