Arriva da Verona un brevetto che può salvare vite umane e minimizzare in modo sostanziale il costo sociale degli incidenti stradali. Un costo quantificato da ISTAT nel 2016 in Italia in circa 17 miliardi di euro, pari all’1,1% del PIL nazionale. Di questi circa il 6%, un miliardo di euro, riguarda incidenti contro ostacoli fissi e molti di essi sono pali di illuminazione. Si tratta del dispositivo di fondazione per pali di illuminazione brevettato dalla startup Atlantech, che sostituisce i tradizionali plinti di cemento impiegati in tali opere. Una tecnologia tutta italiana nata tra le mura dell’Università di Verona e pronta per rivoluzionare un intero settore. A testare il dispositivo Atlantech è stato GDTech, uno dei laboratori d’ingegneria più all’avanguardia in Europa per quanto riguarda le simulazioni di incidenti stradali con esperti che presiedono la commissione per la revisione dello standard sulla sicurezza passiva EN 12767.

“La normativa UNI EN 12767 ha portato allo sviluppo di pali a sicurezza passiva che risultano però essere molto più costosi dei tradizionali pali di illuminazione - afferma Joseph Marra, Team Manager di GDTech,– Inoltre le procedure di installazione e la tipologia di terreno rimangono fattori in grado di cambiare completamente le performance del palo a sicurezza passiva e, ad oggi, non sono oggetto di verifiche e controlli. Motivo per cui a causa di risorse pubbliche sempre più limitate stentano ad essere introdotti sul mercato. In questo contesto la ricerca di nuove soluzioni più economiche in grado di apportare benefici sulle strade è di estrema rilevanza”. La risposta arriva grazie ad Atlantech. “L’economicità della soluzione Atlantech Lux” - sottolinea Marra - “unitamente ai risultati ottenuti nelle nostre simulazioni, può permettere una diffusione di tale dispositivo su larga scala, contribuendo in modo importante a salvaguardare la vita umana”. I risultati hanno dimostrato che, in caso di incidente stradale contro pali di illuminazione, i dispositivi Atlantech Lux sono in grado, a differenza dei tradizionali plinti, di attutire parte dell’energia generata dall’impatto e di ridurre i danni a cose e persone. I dispositivi Atlantech Lux non solo apportano benefici alla sicurezza, ma sono anche predisposti per essere rispettosi dell’ambiente, tecnicamente ed esteticamente migliorativi rispetto ai plinti di calcestruzzo che si vedono sui cigli delle strade. Più belli, meno costosi e salvano le vite.