Il think tank “La Grande Bellezza del Real Estate”, organizzato dalla Membership Assoimmobiliare di Roma, ha visto la partecipazione dei principali operatori ed esperti del settore, in un incontro volto a mettere a fattore comune esperienza e buone pratiche per valorizzare e riqualificare il Paese e in particolare la città di Roma. A tal riguardo proseguiranno le interlocuzioni con il Governo e con Roma Capitale, come da messaggi inviati rispettivamente dal Sottosegretario Mef Pier Paolo Baretta e dal Presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito e come da approfondimenti che sta svolgendo il dg Assoimmobiliare Paolo Crisafi che è in contatto con le Istituzioni nazionali e locali unitamente alla Membership di Roma. In merito, Emanuele Caniggia di IDeA Fimit, ha focalizzato i ragionamenti sulla "densità abitativa" di Roma, che è sette volte più bassa di quella di Milano. ‘Il problema della città è la sua sostenibilità economica che non si regge con questa dimensione e questa densità abitativa. Non spetta al mondo degli operatori immobiliari dare un'idea di città. È la politica che deve decidere quale vocazione deve avere una città. E Roma oggi non ha la sua chiara vocazione. IDeA Fimit continua ad investire risorse importanti sulla città: oltre 800 milioni di euro nell'ultimo anno. E molte altre risorse sono a disposizione; chiediamo strumenti adeguati e un'idea di città. Un'idea politica, non tecnica. In passato visioni tecniche astratte hanno creato danni profondi alla città come il Corviale o i Ponti della Laurentina e temo che alcune idee , come il co-working o lo smart-working, non contribuiscano molto a far stare meglio le persone’. Paolo Gencarelli di Poste Italiane ha messo in evidenza che ‘Roma è pronta a riavviare un percorso di crescita immobiliare dove sarà importante coinvolgere tutte le grandi aziende che hanno sede in questa città per sviluppare una domanda di nuovi spazi innovativi, sostenibili, efficienti’.