“L'istituzione di una Procura europea ci permetterà di compiere un importante passo avanti nell’azione di contrasto alle frodi, consentendo di combattere le frodi transfrontaliere mediante un migliore coordinamento tra gli Stati membri”, ha affermato il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, a seguito del voto in plenaria che ha approvato la creazione dell’Ufficio europeo della Procura pubblica (EPPO). “Dobbiamo tutelare gli interessi finanziari dell'UE da qualsiasi tentativo di abuso. Ogni irregolarità deve essere investigata, accertata e perseguita in giustizia, in maniera uniforme e sistematica. Questo è quello che i nostri cittadini ci chiedono e si aspettano: la massima responsabilità e correttezza su come vengono spesi i soldi dei contribuenti”, ha aggiunto Tajani. “Si tratta di un salto di qualità nella cooperazione tra autorità nazionali. Siamo, inoltre, disponibili a discutere misure analoghe anche nella lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. Terrorismo e criminalità non hanno frontiere. Per affrontare questi fenomeni con efficacia non dobbiamo porre dei limiti alla cooperazione tra autorità nazionali”, ha commentato il Presidente del Parlamento europeo. “Dobbiamo evitare la frammentazione nella lotta alle frodi. Gli Stati membri che, al momento, non partecipano a questo meccanismo di cooperazione rafforzata, sono invitati ad aderirvi in tempi rapidi”, ha concluso Tajani.