Si è conclusa a Pistoia la fase finale di Migrarti 2017 con l’assegnazione del premio Migrarti Spettacolo 2017. Il progetto vincitore è stato Better Days della piccola orchestra di Tor Pignattara. Cinque progetti finalisti di teatro, danza e musica, selezionati tra i 159 presentati. “Con il progetto Migrarti – ha sottolineato il ministro Franceschini – cerchiamo di colmare un colpevole ritardo e favorire la conoscenza delle tante culture e delle diverse comunità che vivono in Italia. Il successo di questa seconda edizione è la dimostrazione che c’è tanta voglia di conoscere e riconoscere i nuovi italiani e le loro culture. Ed è una cosa molto positiva perché la conoscenza reciproca aiuta l’integrazione”. “Attraverso la cultura dell’altro, vogliamo parlare di immigrazione in maniera diversa, nuova cogliendo l’opportunità di crescita sociale e culturale – ha dichiarato Paolo Masini, ideatore e coordinatore del progetto. Un progetto che tocca temi di grande attualità con coraggio e innovazione. L’ennesima testimonianza di un futuro che è già qui tra noi. Confidiamo che questa sia una ulteriore sollecitazione per l’approvazione della legge sullo Ius soli. Un progetto unico che stiamo esportando nel resto d’Europa e che ad ottobre sbarcherà a New York”. Il premio MigrArti spettacolo segue quello riservato al cinema ormai divenuta realtà permanente all’interno della biennale del Cinema di Venezia.