Palermo sarà la prima area pilota in Italia contro l’illegalità nel mondo dello sport. E’ stato presentato alla Camera di Commercio il progetto Anti Match-Fixing-Formula, coordinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e finanziato dalla Direzione Generale Affari Interni della Commissione Europea, volto a contrastare il crimine in ambito sportivo, dalla corruzione alle scommesse clandestine, dal doping alle partite truccate. Il progetto si articola attraverso la collaborazione di enti pubblici e privati. La Camera di Commercio di Palermo ed Enna e le società sportive di base con la firma di un protocollo d’intesa si impegnano su tre obiettivi: informazione, formazione e prevenzione. Centrale, tra gli scopi del progetto, è la piattaforma online per la segnalazione protetta dei rischi di illegalità e di illeciti nello sport. Un sito su cui sarà possibile segnalare in forma anonima fenomeni illeciti e di infiltrazione del crimine organizzato nel mercato dello sport. I partner del progetto sono l’Università Cattolica, Transparency International Italia, Unioncamere Italia, la Camera di Commercio di Palermo, Unioncamere Europa, Interpol Italia, ADM Agenzia dei Monopoli di Stato, Sistema Gioco Italia.