"Nella primavera 2015, in campagna elettorale, e in tre sedi diverse, il candidato Presidente De Luca disse: 'Il Cardarelli deve diventare come il San Raffaele': e' l'inizio di un obiettivo non realizzato e di cui non si vede alcuna iniziativa in questo senso da parte di De Luca". Lo dichiarano, in una nota, i referenti della segreteria aziendale Anaao Assomed dell'azienda ospedaliera Cardarelli di Napoli. "De Luca - ribadiscono - non ha fatto nulla per mettere il Cardarelli in condizioni di essere come il San Raffaele". Per Anaao Assomed, tante sono le criticità da affrontare: “arrivano circa 300 pazienti al giorno, ma il territorio continua a non svolgere il filtro dovuto sulla stampa da oltre un anno doveva aprire il Pronto Soccorso del C.T.O., un ulteriore possibile filtro per l’accesso al Cardarelli: allo stato non si hanno notizie; circa 2 mesi fa una disposizione regionale, dopo un decesso al Loreto Mare, ha definito in via straordinaria ed eccezionale che le patologie da trauma center venissero tutte indirizzate al Cardarelli. Questa normale straordinarietà è divenuta una straordinaria straordinarietà, in quanto, al di là delle dichiarazioni di stampa, nessun supporto ulteriore di personale è stato dato al Cardarelli, né si hanno notizie dei trauma teams costituiti in altri ospedali, come risultato il Trauma Center, più ingorgato che mai, riceve un ulteriore sovraccarico di lavoro a parità di personale”. A peggiorare la situazione, secondo quanto riportano dalla segreteria: “al Cardarelli esistono vuoti in organico per circa 700 unità; Altro segno di “attenzione nefasta” nei confronti del Cardarelli è rappresentata da una Circolare Regionale che ha bloccato il sacrosanto diritto dei Precari dirigenti alla riserva di posti prevista dalla legge”. “Come riportato da organi di stampa, l’apertura di un Pronto Soccorso generalista, presso il II Policlinico, rappresenterebbe una vera grande novità consentendo alla domanda di salute di non affluire solo al Cardarelli. De Luca si è caratterizzato a Salerno come uomo decisionista, perché non dimostra di essere diverso dagli altri, facendo aprire un Pronto Soccorso al Policlinico, vincendo le resistenze che la corporazione universitaria storicamente oppone?”. “Il grave disagio che il Cardarelli sopporta deve avere termine – concludono nel testo dalla segreteria Anaao-Assomed - chiediamo al Presidente De Luca ed al Presidente della V Commissione Consiliare, Raffaele Topo un urgente incontro, alla presenza del Segretario Regionale ANAAO Zuccarelli, per l’implementazione del personale al Cardarelli, per l’attivazione vera di un filtro territoriale e per conoscere i motivi che ostacolano l’apertura di un Pronto Soccorso generalista al II Policlinico”.